Polpette di quinoa in umido


Polpette di quinoa in umido. Oggi secondo il Calendario del cibo italiano si celebra la giornata nazionale delle polpette e partecipo anch’io con una ricetta vegetariana.

Polpette di quinoa in umido

Oggi è la giornata delle polpette e io festeggio con le polpette di quinoa in umido

Se volete conoscere qualcosa di più sulla storia e le ricette tradizionali delle polpette non perdetevi la lettura dell’articolo scritto dall’ambasciatrice Elena Castiglione del blog “Elly Chez Entity” pubblicato sul sito dell’AIFB.

Ritornando a noi. Ricordo che prima di diventare vegetariana, le polpette di carne cotte in umido con cipolla, carote, sedano erano il mio piatto preferito, se poi vi era anche l’aggiunta di una bella montagnetta di purè di patate, con il quale raccogliere tutto il sughetto di cottura, il momento di estasi era totale. Ma i gusti cambiano, si fanno delle scelte che condizionano il nostro modo di mangiare ed ora le mie polpette preferite sono diventate quelle di quinoa cotte nello stesso condimento di verdure aromatiche.

Ingredienti per circa 12 polpette vegetariane.

Dosi per quattro porzioni:
  • 100 grammi di quinoa;
  • 1 uovo intero;
  • 2 cucchiai di farina;
  • un cucchiaino di semi di cumino tostati e polverizzati;
  • un cucchiaino di prezzemolo tritato;

Per il fondo di cottura:

  • una carota;
  • mezza cipolla;
  • 50 ml di vino bianco;
  • 2 cucchiai di olio;
  •  mezzo gambo di sedano;
  • un pomodoro spellato.

Preparazione delle polpette di quinoa in umido.

Il primo ingrediente da preparare è la quinoa che servirà per fare le polpette. Ponete la quinoa in un colino a maglie fini e sciacquatela sotto il rubinetto fin quando l’acqua non sarà limpida. Versatela in una pentolina e aggiungete 220 ml circa di acqua. Portate all’ebollizione e lasciate cuocere fino a che l’acqua sarà stata assorbita. A questo punto spegnete e lasciate riposare per una decina di minuti, dopo di che versate la quinoa su un piatto abbastanza grande (se necessario scolatela da eventuali residui di acqua di cottura) e sgranatela con una forchetta in modo che si asciughi e si raffreddi ulteriormente.

Mondate, lavate e tagliate a cubetti la carota, tritate il sedano e la cipolla. Versate il tutto in un tegame e fate insaporire con un cucchiaio di olio. Dopo pochi minuti aggiungete il vino bianco, coprite e fate cuocere per circa 10 minuti. Se dovesse asciugarsi aggiungete pochissima acqua. Quando la cipolla e la carota si saranno ammorbidite togliete dal fuoco, aggiungete il pomodoro precedentemente pelato e frullate il tutto fino ad ottenere una salsa liscia mettete da parte e preparate le polpette.

Aggiungete l’uovo alla quinoa e mescolate, unite anche un poco di prezzemolo tritato, i semi di cumino, un pizzico di sale e infine la farina. La dose di farina deve essere la più piccola possibile, solo il necessario per asciugare l’impasto. Per fare queste polpette vi consiglio di prelevare circa un cucchiaio di impasto, posatelo su un mucchietto di farina, spolverizzate di farina anche la superficie superiore del composto e fatelo rotolare, sempre sulla farina, in modo da dargli una forma più o meno sferica. Le polpette che creerete, prima della cottura, non saranno molto compatte quindi manipolatele il meno possibile. Man mano che le preparate disponetele direttamente nel tegame di cottura insieme al condimento. Mettete su fuoco dolce e lasciate cuocere per almeno 5 minuti senza muovere le polpettine. Quando vedete che hanno acquisito una certa consistenza giratele dall’altro lato e proseguite la cottura per altri 5/10 minuti. Le polpettine al termine della cottura si presenteranno compatte (la consistenza ricorda quasi quelle di carne) e potranno essere mescolate agevolmente con il loro condimento.

Polpette di quinoa in umido

Polpette di quinoa in umido profumate al rosmarino.


About the Author:

24 Comments

  1. sabrina 8 gennaio 2016 at 10:18 am - Reply

    Sono d’accordo con te…le cose cambiano e anche io mi rivolgo sempre + spesso a cereali, legumi e verdure…però l’inzuppata del purè nel sughetto ce la concediamo lo stesso?

    • Cristina Tiddia 8 gennaio 2016 at 2:45 pm - Reply

      Assolutamente si, il sughetto nel piatto si raccoglie sempre! E se non c’è il purè allunghiamo la mano per prendere un pezzetto di buon pane fatto in casa 😉

  2. Francesca 8 gennaio 2016 at 10:51 am - Reply

    Sai che non ho mai provato la quinoa? Un buon motivo per farlo 🙂

    • Cristina Tiddia 8 gennaio 2016 at 2:43 pm - Reply

      Se l’assaggi non la lasci più. Secondo me è buonissima già di suo, è molto aromatica anche se mangiata da sola con poco olio da accompagnare con qualche verdurina di contorno

  3. Sabrina Fattorini 8 gennaio 2016 at 12:03 pm - Reply

    Ho giusto un sacchetto di quinoa che ho comprato senza aver deciso cosa farci. questa mi sembra una buona idea!!!

    • Cristina Tiddia 8 gennaio 2016 at 2:42 pm - Reply

      Ciao Sabrina, vedrai che ti piacerà! Fammi sapere cosa ne pensi 😉

  4. Valentina 8 gennaio 2016 at 1:02 pm - Reply

    Mi sono avvicinata alla quinoa da relativamente poco tempo, credo la scorsa estate. Una mia ex amica me ne aveva parlato sempre male ma invece quando ho provato a farne degli hamburger con salmone fresco me ne sono innamorata e la uso come base per piatti cremosi di pollo orientaleggianti. Proverò senz’altro le tue polpette perchè non si finisce mai di imparare e mi sembrano così golose!!!!

    • Cristina Tiddia 8 gennaio 2016 at 2:40 pm - Reply

      Io l’adoro! Peccato che il suo prezzo ultimamente stia raggiungendo livelli piuttosto altini….Se provi le polpette fammi sapere se ti piacciono!

  5. Candida De Amicis 8 gennaio 2016 at 5:22 pm - Reply

    Anche nei miei ricordi ci sono le polpette di carne con il pomodoro ma con l’origano, era il mio piatto preferito! Continuo a farle ma proverò anche le tue di quinoa, sono sicura che mi piaceranno!

    • Cristina Tiddia 10 gennaio 2016 at 11:23 pm - Reply

      Ciao Candida,
      ottimo l’origano, adoro anch’io i profumi mediterranei!

  6. Andreea 8 gennaio 2016 at 5:27 pm - Reply

    Semplicemente deliziose !

  7. Fausta 8 gennaio 2016 at 5:39 pm - Reply

    ciao Cristina, che dire? Osservate le foto, letta la ricetta e… approvate in pieno, scelta vegetariana compresa! Anch’io sono “per il sughetto”; raccolto con il puré o con un pezzetto di buon pane, non ne deve andare sprecato neanche una goccia. A presto 🙂

    • Cristina Tiddia 10 gennaio 2016 at 11:22 pm - Reply

      Ciao Fausta, ti ringrazio! Assolutamente niente sughetto sprecato 😉

  8. Maria Grazia 8 gennaio 2016 at 6:21 pm - Reply

    Mi piace moltissimo questa versione “moderna” particolarmente aromatica ed originale.
    Ottime davvero, Cristina!
    Un caro saluto,
    MG

  9. elena castiglione 8 gennaio 2016 at 8:01 pm - Reply

    Mi sto sempre più avvicinando alla cucina vegetariana, non per conversione, lo ammetto, ma perché mi piace molto e anche l’uso di spezie… soprattutto il cumino, di cui sono letteralmente ghiotta. Quindi questa tua proposta rientra alla grande nelle mie corde! Complimenti. Non mancherà occasione per copiartele spudoratamente!!! E grazie per la tua partecipazione!

    • Cristina Tiddia 10 gennaio 2016 at 11:19 pm - Reply

      Ciao Elena, ti ringrazio anche io adoro il cumino, ha un’aroma molto particolare. Grazie a te per il bellissimo post che hai condiviso con noi!

  10. Da provare al più presto!

  11. Susanna 8 gennaio 2016 at 9:58 pm - Reply

    I piatti vegetariani non hanno niente da invidiare a quelli a base di carne. Queste polpette mi piacciono molto, e il loro sughetto deve essere delizioso!
    Queste me le segno!

  12. alessandra 9 gennaio 2016 at 9:29 am - Reply

    la quinoa è ottima e nelle polpette ha, effettivamente, un suo perchè. Specie se la ricetta è questa, così ricca e appetitosa, che ha dalla sua i vantaggi della cucina vegetariana e quelli tutti goduriosi delle polpette più tradizionali. Sperimentazione perfettamente riuscita, brava!

Leave A Comment