Il pasticciotto leccese è una delizia che ci regala la pasticcera salentina. E’ un tortino di pasta frolla, rigorosamente preparata con lo strutto, guarnito all’interno con abbondante crema pasticcera e cotto in forno. Non sono mai stata nel Salento e non ho mai assaggiato il pasticciotto ma ho letto che la tipica colazione dei Salentini è proprio a base di pasticciotti  mangiati caldi appena sfornati.

pasticciotto leccese, ricetta tradizionale

Pasticciotto leccese. Per un buon risultato la crema deve essere ben soda e fredda prima della cottura.

Il calendario del cibo, oggi mi ha dato l’occasione giusta per preparare una deliziosa colazione a base di pasticciotto e per questo ringrazio Lucia (Le ricette di Luci) ambasciatrice della giornata nazionale che ci racconterà con la sua coinvolgente passione la storia e le tradizioni del pasticciotto leccese.
Essendo vegetariana ho preparato la pasta frolla con il burro, ma i tradizionalisti dicono che la friabilità e la fragranza che contraddistinguono e rendono unico il pasticciotto si raggiunge solo con l’utilizzo dello strutto. Da parte mia posso dirvi che anche con il burro il risultato è stato molto buono, ovviamente non posso avere un confronto ma sono ugualmente soddisfatta del risultato.

Ingredienti per il pasticciotto leccese.

Dosi per circa 12 pasticciotti piccoli.

Per la pasta frolla:

  • 500 grammi di farina 00;
  • 275 grammi di zucchero a velo;
  • 225 grammi di burro;
  • 2 uova intere e un tuorlo;
  • 3 grammi si latte;
  • 5 grammi di bicarbonato di ammonio;
  • 3 grammi di sale;
  • scorza di limone.

Per la crema pasticcera:

  • 500 grammi di latte intero fresco;
  • 100 grammi di zucchero semolato;
  • 5 tuorli;
  • 23 grammi di farina;
  • 23 grammi di amido di mais.

Preparazione del pasticciotto leccese.

Preparazione della pasta frolla.

Tenete burro e uova a temperatura ambiente per circa 20 minuti.
Lavorate il burro tagliato a pezzetti con tutto lo zucchero. Aggiungete uno alla volta le uova intere e il tuorlo.Unite anche il sale e la scorza di limone grattugiata.
Sciogliete il bicarbonato di ammonio nel latte e aggiungetelo a filo nel composto.
Unite in un solo colpo la farina e lavorate prima formando delle briciole poi compattate la massa ottenendo un panetto.
Ricoprite con della pellicola e conservate in frigorifero per almeno due ore.

Preparazione della crema pasticcera.

Scaldate il latte con 50 grammi di zucchero e la scorza del limone, coprite e lasciate riposare per circa 20 minuti.
Mescolate il resto dello zucchero con i tuorli, l’amido e la farina. Diluite aggiungendo poco per volta il latte filtrato.
Fate cuocere la crema a fuoco dolce (preferibilmente a bagno maria) senza mai smettere di mescolare fino a che sarà diventata densa e liscia.
Appena pronta versatela in un teglia in modo da farla raffreddare velocemente. Quindi copritele con pellicola a contatto e riponete in frigo.

Composizione e cottura dei pasticciotti.

Riprendete la pasta frolla, rilavoratela velocemente per dargli elasticità (elasticità intesa nei limiti della pasta frolla, che ben sappiamo che deve subire una lavorazione minima), stendetela allo spessore di circa 0.8 cm, rivestite il fondo dei vostri stampini ed eliminate la pasta in eccesso che fuoriesce dal bordo.
Riempite i pasticciotti con abbondante crema pasticcera. Stendete il la pasta frolla avanzata ad spessore un poco più sottile (circa 0.5 cm) e create dei coperchi con i quali chiudere i pasticciotti. Sigillate bene facendo aderire i due stati di pasta. Riponete in frigo e fate raffreddare per un’ora circa.
Questo passaggio serve per raffreddare bene la crema pasticcera ed evitare che in forno possa giungere al bollore e fuoriuscire dal pasticciotto.
Scaldate il forno a 180°C quindi spennellate i pasticciotti con tuorlo e mettete in forno per circa 20 minuti fino a che saranno ben dorati in superficie.

Pasticciotto leccese, ricetta

Il pasticciotto leccese per iniziare la giornata alla grande!