Yogurt cremoso per tutti i gusti


Yogurt cremoso per tutti i gusti. Come avrete capito dai miei post precedenti sono una appassionata di yogurt soprattutto dello yogurt cremoso, denso e dolce. In questo post vi voglio proporre alcuni dei gusti che ho provato fino ad ora e che mi hanno soddisfatto maggiormente.
Yogurt al caffè

Lo yogurt al caffè è perfetto per una colazione ricca e nutriente

La ricetta base dello yogurt.

Per praticità riassumo brevemente in otto punti le operazioni che eseguo per preparare lo yogurt cremoso al naturale.
  1.  Fate bollire 1 litro di latte intero per dieci minuti (fig. 1).
  2.  Raffreddate fino a 42 – 45 °C (fig. 2).
  3.  Emulsionate con un frullatore ad immersione. Per eliminare le bolle che si formeranno, posizionate il mixer sulla superficie della schiuma e azionate. Vedrete scoppiare tutte le bolle grandi (fig. 3).
  4.  Diluite lo yogurt che utilizzate come inoculo con un po’ di latte (fig. 4a) . Versate nel restante quantitativo di latte (fig. 4b).
  5. Trasferite il tutto nella yogurtiera e lasciate fermentare dalle tre alle sei ore (fig. 5).
  6.  Quando il latte si sarà coagulato spegnate e lasciate intiepidire per circa 30 – 40 minuti (fig. 6).
  7. Mescolate delicatamente lo yogurt (se lo vedete diventar liquido, non preoccupatevi: riacquisterà consistenza dopo il riposo in frigo) e fatelo passare attraverso un colino (fig. 7). Se invece volete ottenere uno yogurt a coagulo intero con una consistenza più compatta che ricorda quella di un budino. Passate direttamente al riposo in frigo (punto 8).
  8.  Lasciate riposare in frigo per alcune ora prima del consumo.
Yogurt cremoso naturale

Le fasi di preparazione per ottenere uno yogurt cremoso al naturale

Nota.
Le sieroproteine del latte coagulano con il calore, quindi in seguito alla bollitura (fase 1) sarà molto probabile che queste si aggreghino in piccoli grumi. Queste si possono notare soprattutto nello yogurt a coagulo intero sul fondo del vasetto.Tale difetto si elimina evitando la bollitura e scaldando il latte fino a 42 °C.
Procedete quindi all’emulsionamento (fase 3), che evita la separazione del siero, e alla fermentazione. Ricordate però che eliminando la bollitura otterrete uno yogurt dalla consistenza meno viscosa (contiene più acqua).

Yogurt cremoso ai vari gusti.

Ora  vediamo come possiamo aromatizzare lo yogurt cremoso fatto in casa.

Alcuni aromi si aggiungono prima della fermentazione. Tra questi vi propongono tre gusti classici: al cacao, al malto d’orzo e al caffè. Per dolcificare, molto spesso, io utilizzo il fruttosio, ma potete sostituirlo con lo zucchero, tenendo conto che quest’ultimo ha un minor potere dolcificante.

Yogurt cremoso al cacao.

  • 1 litro di latte;
  • 20 grammi di cacao in polvere;
  • 40 grammi di fruttosio (oppure 50-60 grammi di saccarosio);
  • 2 – 3 cucchiai di yogurt naturale.

Setacciate il cacao per eliminare eventuali grumi e mescolatelo con il fruttosio, versate a filo il latte freddo e mescolate. Procedete quindi seguendo i punti descritti sopra.
Secondo il mio parare con queste dosi si ottiene uno yogurt che mantiene il giusto equilibrio tra dolce e acido, con un leggero aroma di cacao.
A vostro piacere potete aumentare (o diminuire) la quantità di dolcificante ma ricordate di non superare la dose del 10% rispetto al latte.

Yogurt cremoso al cacao

Yogurt cremoso al gusto di cacao

Yogurt cremoso al caffè.

  • 1 litro di latte;
  • 6 grammi di caffè solubile;
  • 45 grammi di fruttosio (o 60 grammi di saccarosio);
  • 2 – 3 cucchiai di yogurt naturale;

Mescolate il caffè solubile con il fruttosio (o con lo zucchero), aggiungete il latte e proseguite come di consueto seguendo le indicazioni dal punto 1 al punto 8.

Yogurt al caffè

Yogurt al caffè cremoso preparato in casa buonissimo da mangiare insieme ai cereali

Yogurt cremoso al malto d’orzo.

  • 1 litro di latte;
  • 100 grammi di malto d’orzo;
  • 2 cucchiaini di orzo solubile;
  • 2 – 3 cucchiai di yogurt naturale.

Versate il malto e l’orzo solubile nella pentola dove poi aggiungerete il latte. Versate quindi il latte e portate a bollore e proseguite come indicato nella ricetta base dello yogurt.

Yogurt cremoso al malto d'orzo

Yogurt cremoso al malto d’orzo

 

Ci sono poi degli aromi che si possono aggiungere subito dopo la fermentazione, più precisamente quando mescoliamo il nostro yogurt per renderlo cremoso (punto 7). Ho provato il gusto nocciola, il gusto banana e il gusto mora.

Yogurt cremoso alle nocciole.

  • 800 grammi di yogurt naturale;
  • 100 grammi di pasta di nocciole;
  • 60 grammi di fruttosio ( 70-80 grammi di saccarosio).

Per preparare la pasta di nocciole è sufficiente tritate le nocciole con un cutter, fin quando rilasciano il loro olio e si trasformano in una crema abbastanza fluida.
Mescolate lo yogurt e aggiungete la pasta di nocciole ed il fruttosio. Filtrate lo yogurt facendolo passare attraverso un colino, in questo distribuirete in modo più uniforme l’aroma aggiunto senza strapazzare eccessivamente lo yogurt. Lasciate riposare in frigo per 18 – 24 ore.
Non ho parole per descrivere la bontà di questo gusto. Per chi ama le nocciole è una vera goduria!

Yogurt cremoso alla banana.

  • 800 grammi di yogurt;
  • 200 grammi di purea di banane (scegliete delle banane che siano ben mature);
  • 1 cucchiaio di miele (potete sostituirlo con zucchero o fruttosio).

Fate cuocere le banane fino a renderle morbide, unite il miele e frullate in modo da ridurle in purè. Mescolate la polpa di banane così ottenuta alle yogurt (punto 7). Lasciate riposare in frigo per 18 – 24 ore.

Yogurt cremoso alle more.

  • 800 grammi di yogurt;
  • 100 grammi di marmellata di more di gelso.

Per questo gusto ho utilizzato la marmellata di more che ho preparato quest’estate e poiché in quest’ultima è presente qualche pezzettone di frutto, ho prima filtrato lo yogurt poi ho aggiunto la marmellata (si diluisce velocemente perché lo yogurt in questa fase è ancora tiepido).

Note.
Avete presente gli yogurt cremosi Scaldasole o Muller al gusto frutti di bosco? Questo è uguale, solo che è aromatizzato con la marmellata preparata con le more che abbiamo raccolto dalla pianta di mio nonno!

Consigli.

Questi sono solo degli esempi e potete usare qualsiasi tipo di frutta e di marmellata. Ricordate però di aggiungere la frutta dopo averla cotta e in dosi tali che non superino il 30% del quantitativo di yogurt.

Potete unire la frutta fresca solo poco prima del consumo, infatti l’acidità dello yogurt potrebbe farla guastare.

Vi lascio con un’ultima farcitura che preparo molto spesso in inverno con le mele cotte, e aggiungo allo yogurt poco prima di consumarlo. Si può preparare anche con le mele fresche però io le preferisco cotte perché perdono il gusto acidulo (sono amante dei sapori dolci!).

Yogurt alla composta di mele.

  • 800 grammi di yogurt;
  • 240 grammi di mele golden;
  • 1 cucchiaio pieno di miele;
  • un pizzico di cannella;
  • 20 grammi di uva sultanina.

Tagliate le mele a piccoli pezzetti e fatele cuocere in una padella senza alcuna aggiunta ma sfruttando solamente il loro succo. Quando diventano morbide unite circa un cucchiaio di miele, un pizzico di cannella e dell’uva passa (o fichi secchi). Fate raffreddare bene in frigo e mescolate la composta di mele allo yogurt al momento di servirlo.

A voi la scelta!


By | 2017-07-01T08:05:20+00:00 novembre 12th, 2013|Categories: Varie, Yogurt|Tags: , |2 Comments

About the Author:

2 Comments

  1. Daniela 1 maggio 2012 at 9:13 pm - Reply

    Grazie per la visita.
    io m’inchino a quello che fai tu, sei bravissima.
    Un abbraccio Daniela

  2. Cristina Tiddia 1 maggio 2012 at 9:22 pm - Reply

    Ciao Daniela
    Grazie :)))ma sei gentilissima!
    Un abbraccio anche a te.

Leave A Comment