Calzone ai carciofi


Calzone ai carciofi. Data la stagionalità oggi vi propongo il calzone ai carciofi con una ricetta vegana.
Il calzone è una sorta di pizza chiusa a mezza luna che racchiude un ripieno che può essere composto da vari ingredienti.
Per preparare il calzone ai carciofi avrete bisogno di una pasta lievitata (che può essere pasta di pane o pasta di pizza) e un condimento misto di carciofi e piselli trifolati.

calzone ai carciofi

Calzone ai carciofi con ripieno arricchito dall’aggiunta di piselli

La cottura del calzone necessità di temperature abbastanza alte, seppur leggermente più basse di quelle ideali per la cottura della pizza.
Tra gli ingredienti del calzone, solitamente, è prevista anche la mozzarella, ma io in questo caso specifico non ho aggiunto nessun tipo di formaggio e vi posso garantire che, se le materie prime (compresa la pasta lievitata) sono di buona qualità, il calzone ai carciofi sarà comunque ottimo.
Per la preparazione della pasta lievitata potete seguire la ricetta che preferite, sia con lievito di birra, che con lievito naturale (vi consiglio come sempre di usare poco lievito e lunghi tempi di lievitazione).
Per praticità vi riporto la ricetta della pasta che ho seguito io.
E ora la ricetta completa per preparare il calzone ai carciofi.

Ingredienti per il calzone ai carciofi.

Dosi per 4 persone.

Per la pasta lievitata:

  • 500 grammi di farina 00 di grano tenero (meglio se specifica per pizza);
  • 250 ml di acqua;
  • 5 grammi di lievito di birra fresco;
  • 6 grammi di sale;
  • due cucchiai d’olio.

Per il ripieno:

  • 4 cuori di carciofo;
  • 100 grammi di piselli;
  • una piccola cipolla;
  • uno spicchio d’aglio;
  • tre cucchiai d’olio;
  • sale e pepe.

Preparazione della pasta lievitata.

Versate tutta l’acqua in una terrina capiente, oppure nella ciotola della planetaria. Aggiungete il lievito sbriciolato e circa metà della farina. Lavorate fino ad ottenere un composto omogeneo di consistenza cremosa. Lasciate riposare questo primo impasto per circa 30 minuti.
Trascorso il tempo di riposo, aggiungete pian piano la restante farina. Unite il sale e infine l’olio. Lavorate l’impasto fino a fargli ottenere una consistenza morbida ed elastica.
Avvolgete l’impasto a palla, riponetelo in una ciotola che possa contenere il doppio del suo volume, coprite con pellicola e lasciate riposare fino quando avrà raddoppiato il suo volume. Il tempo necessario è relativo alla temperatura alla quale avviene il riposo. In un ambiente con una temperatura di  25°C serviranno circa tre ore. Nel frattempo dedicatevi alla preparazione del ripieno.

Preparazione del ripieno di carciofi.

Dividete a metà i cuori di carciofo, quindi affettateli sottilissimi. Preparate un trito di cipolla e aglio e fatelo insaporire in un tegame insieme all’olio. Aggiungete i carciofi e i piselli. Mescolate e proseguite la cottura a fuoco dolce e con coperchio. Se necessario aggiungete un goccio d’acqua. Dopo circa 15 minuti, scoprite, aggiungete un pizzico di sale e proseguite la cottura ancora per 5 minuti, fino a quando il fondo di cottura sarà ben asciutto. Spegnete e lasciate raffreddare.

Stesura del calzone.

Trascorso il tempo di riposo necessario, ribaltate la pasta lievitata su una spianatoia infarinata. Sgonfiatela in modo da far fuoriuscire i gas di lievitazione. Dividete la pasta in 4 porzioni di circa 180-200 grammi di peso. Formate delle palline e lasciare riposare per circa 90 minuti.
A questo punto stendete sottilmente ciascuna pallina dandogli una forma circolare. Suddividete su metà di ciascun disco la farcitura di carciofi e piselli. Richiudete a mezza luna e sigillate bene i bordi per evitare spiacevoli fuoriuscite durante la cottura. Disponete i quattro calzoni su una leccarda e mettete nella parta bassa del forno ad alta temperatura circa per circa 10 minuti.

Calzone ai carciofi

Calzone ai carciofi pronto da gustare

Variante.

Se il calzone senza il formaggio vi sembra incompleto, provate ad aggiungere della provola affumicata, la quale darà un gusto in più ai carciofi.

 


About the Author:

Leave A Comment