Panini al latte morbidi


I panini al latte, soffici con una mollica che si scioglie in bocca sono perfetti per essere farciti nei modi più svariati dal dolce al salato. La ricetta è tratta dal blog di Adriano Continisio “Profumo di lievito”.
Chi conosce il blog sa che le ricette di Adriano sono una garanzia, chi ancora non lo conosce, e vuole scoprire e imparare tante cose sul mondo dei lieviti, deve assolutamente visitarlo.
Questo è il link della ricetta originale dei panini al latte.
Ad ogni modo vi voglio raccontare anche la mia esperienza per la preparazione dei panini al latte.
Panini al latte morbidi senza crosta

Panini al latte morbidi sono ideali per preparare i vostri hot dog o cheeseburger

Ho seguito quasi fedelmente la ricetta originale, ho solo sostituito lo strutto con il burro e una piccola dose di olio per ribilanciare la parte di grassi, come suggerito da Adriano stesso.
Ho preparato questi panini al latte diverse volte, e vi sposso garantire che sono veramente ottimi, morbidi al punto giusto e deliziosi farciti sia con ingredienti dolci che salati. Si prestano bene ad essere preparati in versione mini, ideali per la colazione, o in versione maxi (come ho fatto io) per un picnic o per un pranzo veloce.
Si possono fare tondi o allungati e possono essere congelati senza che perdano in gusto e/ o morbidezza.

Ingredienti per i panini al latte.

Dosi per circa 10 panini:
  • 500 grammi di farina Manitoba;
  • 500 grammi di farina di tipo 00 specifica per pizza;
  • 650 grammi di latte intero;
  • 60 grammi di burro;
  • 2 cucchiai di olio d’oliva;
  • 30 grammi di zucchero;
  • 1 cucchiaino di miele;
  • 18 grammi di sale;
  • 8 grammi di lievito;

Preparazione del preimpasto.

Setacciate 500 grammi di farina manitoba e metteteli nel cestello della planetaria, aggiungete il lievito sbriciolato e iniziate ad impastate unendo a filo 500 grammi di latte. Lavorate fino ad avere un composto omogeneo, molto morbido quasi cremoso.
Lasciate riposare fino al suo raddoppio. Ci vorranno circa 2 ore ad una temperatura di 22°C circa.

Preparazione dell’impasto per i panini al latte.

Quando questo primo impasto avrà raggiunto il raddoppio del suo volume, ultimate con l’aggiunta degli altri ingredienti.
Se lavorate con la planetaria, procedete aggiungendo 250 grammi di farina speciale per pizza. Iniziate a lavorare con il gancio a spirale.
Versate a filo il restante latte mescolato con il miele. Aggiungete il sale e poco dopo continuate ad aggiungere a cucchiaiate il resto della farina tenendone da parte una manciata.
Quando tutta la farina aggiunta sarà assorbita, unite il burro morbido, l’olio e lo zucchero.
Fate lavorare fino a completo incorporamento, quindi aggiungete l’ultima manciata di farina.
Se necessario fermate la planetaria e ribaltate l’impasto alcune volte. Lavorate per qualche minuto per far incordare bene l’impasto, che dovrà essere morbido ma elastico.
Coprite con pellicola e lasciate lievitare per circa due ore fino al raddoppio del suo volume.

Pieghe e formatura.

Dopo il riposo fate delle pieghe che serviranno a dar forza all’impasto e ad ottenere una alveolatura fitta e un migliore sviluppo in verticale del prodotto.
Appiattite leggermente l’impasto sul piano infarinato, prendete un lembo di pasta e chiudetelo verso il centro.
Prendete un altro lembo di pasta e chiudete ancora verso il centro.
Procedete cosi fino a terminare il giro.
Coprite e lasciate riposare per altri 60 minuti.
Spezzate l’impasto in pagnotte da 80-100 grammi se volete dei panini piccoli tipo bocconcini, oppure da 180-200 grammi se volete usarli per preparare dei super panini di forma oblunga.
Adagiate i panini sul fondo di una placca da forno rivestito con carta da forno. Coprite con della pellicola e lasciate lievitare fino a che avranno circa raddoppiato il loro volume.
Spennellate i panini con il latte e cuocete in forno già caldo a 180°C per circa 18- 20 minuti.
Appena sfornati avvolgete i panini in telo pulito di cotone e lasciate raffreddare.

Panini al latte morbidi

Potete preparare i panini al latte in forma tonda o allungata


About the Author:

Leave A Comment