Spezzatino di seitan con patate e olive


Spezzatino di seitan con patate e olive, un secondo piatto vegano gustoso che vi farà cambiare idea sul seitan.  Per chi non vuole rinunciare al gusto di uno spezzatino questo preparato con seitan patate e olive è un’ottimo alternativa vegana. E’ una ricetta facile e potete prepararla sia con il seitan già pronto oppure con il seitan preparato da voi in casa.

Spezzatino di seitan con patate e olive

Spezzatino di seitan con patate saltate e olive un piatto vegano per un pieno di proteine.

Il seitan in questa preparazione viene fatto stufare insieme ad un sugo molto saporito a base di pomodori pelati, cipolle, olive e origano. Il piatto viene completato con un’aggiunta di patate saltate.

La ricetta dello spezzatino di seitan con patate e olive è tratta da un numero speciale della rivista “Sale&Pepe” chiamata appunto “Sale&Pepe veg” dove tra l’altro il mio piccolo blog è stato citato nella rubrica “Foodblogger -Tutto il buono del web”.

Ingredienti per lo spezzatino di seitan con patate e olive.

Dosi per quattro persone:

  • 300 grammi di seitan;
  • una cipolla;
  • un bicchiere di brodo vegetale;
  • 4 pomodori pelati;
  • 2 patate di medie dimensioni;
  • 2 cucchiai di olive nere;
  • un cucchiaio di paprica dolce;
  • origano;
  • 2 cucchiai di aceto di mele;
  • olio;
  • sale e pepe;

Preparazione dello spezzatino di seitan.

Lessate le patate in abbondante acqua salata per circa 40 minuti, fino a che saranno ben morbide. Tenete da parte.
Pulite la cipolla e tagliatele a listarelle. Fatela cuocere in una padella insieme a due cucchiai d’olio, due cucchiai di aceto e mezzo bicchiere d’acqua. Proseguite la cottura fino a che tutto il liquido sarà evaporato e la cipolla ben cotta.
Aggiungete il seitan tagliato a pezzetti, i pomodori pelati, un cucchiaio di paprica e un bicchiere di brodo vegetale (oppure acqua). Mescolate il tutto e fate cuocere fino a far restringere il liquido di cottura. Aggiungete le olive, una spolverata di origano e regolate di sale.
Nel frattempo tagliate a pezzi le patate e fatele saltare in una padella insieme ad un filo d’olio, fino a farle dorare. Aggiungete un pizzico di sale e pepe e servitele insieme allo spezzatino di seitan.

Spezzatino di seitan con patate e olive

Insaporite lo spezzatino di seitan con aggiunta di origano secco

Conosciamo meglio il seitan.

Il seitan si produce dalla parte proteica del frumento, in pratica è il glutine. Se volessimo fare il seitan in casa non dovremo far altro che impastare della farina con un quantitativo d’acqua sufficiente ad ottenere un composto omogeneo. Di seguito quest’impasto dovrà subire un lavaggio sotto l’acqua corrente al fine di eliminare tutti i composti solubili, tra cui l’amido, e isolare le proteine del glutine che sono insolubili in acqua. Ci ritroveremo così con un composto estremamente elastico e spugnoso, chiamato seitan (ossia il glutine).

Il seitan ottenuto va fatto bollire in abbondante acqua per circa 40-50 minuti.  Quindi va scolato e cotto alla piastra oppure utilizzato come spezzatino da cuocere insieme ad altre verdure. Il suo sapore è neutro e per questo si usa insaporirlo con altri ingredienti come salsa di soia, zenzero e altre spezie varie. In commercio si trova già pronto ed ha una consistenza molto più dura e compatta di quella che si ottiene preparandolo in casa, inoltre è alquanto ricco di condimenti e di sale che lo rendono piuttosto sapido.

Si possono trovare anche le farine selezionate che vanno lavorate con una dose opportuna di acqua. L’impasto che si ottiene è già pronto per la cottura e non necessità di nessun lavaggio. Ed è proprio questo mix che ho utilizzato per preparare il mio primo seitan.

E’ bene ricordare che non è consigliabile abusare del consumo di seitan in quanto, essendo glutine puro, può provocare allergie, inoltre va integrato con altri alimenti perchè manca di importanti amminoacidi come la lisina.


By | 2017-07-05T17:51:10+00:00 marzo 19th, 2014|Categories: Ricette Vegane, Secondi vegetariani, Seitan e tofu|Tags: , , , , |0 Comments

About the Author:

Leave A Comment