Strudel con radicchio e ricotta


Strudel con radicchio e ricotta. Sono in tutti i ricettari, esistono libri scritti solo per loro, sono presenti in ogni blog di cucina, le vediamo preparare nei programmi televisivi, insomma sono dappertutto. Sto parlando delle torte salate, una di quelle ricette nate su misura per la cucina casalinga perché facili da realizzare, con ingredienti facilmente adattabili alle esigenze del momento e ideali per riciclare ciò che si ha in casa (in frigo o in dispensa). Per di più soddisfano anche l’aspetto pratico, in quanto si possono preparare in anticipo e, in base agli ingredienti presenti, se consumate fredde risultano anche più gustose.

Strudel con radicchio e ricotta

Strudel con radicchio e ricotta accompagnato da una particolare insalata di funghi e arancia

Anche la pasta gode di larga versatilità. Si trovano le versioni con la pasta sfoglia, con la pasta brisè, con la pasta frolla, con la pasta lievitata e cosi via. Le forme poi, possono essere le più svariate, io questa volta ho deciso di dare alla mia torta salata la forma di uno strudel. La pasta è una sorta di pasta brisè alleggerita preparata con poco burro e il ripieno è a base di radicchio e ricotta.

Ingredienti per lo strudel con radicchio e ricotta.

Dosi per 6/8 porzioni.

Per la pasta:

  • 320 grammi di farina 00;
  • 80 grammi di burro;
  • 3 grammi di sale;
  • acqua q.b.;

Per il ripieno:

  • 600 grammi di ricotta;
  • 1 cipolla;
  • un cespo piccolo di radicchio tondo;
  • mezzo bicchiere di vino rosso;
  • 100 grammi di provola affumicata;
  • 2 cucchiai di olio;
  • noce moscata;
  • rosmarino;
  • sale e pepe.

Preparazione dello strudel con radicchio e ricotta.

Miscelate insieme il sale e la farina. Sbriciolate il burro con la farina. Dovete ottenere un composto che ricorda la sabbia bagnata (questo tipo di lavorazione viene indicata con il termine “Sabbiare”). Quando tutto il burro sarà disperso nella farina, aggiungete l’acqua in una quantità tale da formare un impasto che sia facilmente lavorabile, quindi di media morbidezza. Se usate una farina debole, come suggerito, dovrebbero essere sufficienti circa 100 ml di acqua.
Una volta pronto l’impasto, copritelo con della pellicola per evitare la formazione di croste e fate riposare il tempo necessario per la preparazione del ripieno (o comunque non oltre i 30 minuti).
Sfogliate il radicchio e lavate bene tutte le foglie. Conservate la parte centrale più tenera. Private la cipolla delle foglie esterne secche e tritatela molto finemente. Versatela in una padella con due cucchiai d’olio e fate insaporire(*). Aggiungete il radicchio tagliato sottilmente. Bagnate con poco vino rosso, alzate la fiamma e lasciate evaporare tutto il liquido. Aggiungete un pizzico di sale e quando il fondo di cottura sarà ben asciutto spegnete e fate raffreddare.
Mettete la ricotta in una terrina e schiacciatela con una forchetta, aggiungete il radicchio (che si sarà intiepidito), una grattata di noce moscata, una spolverata di pepe, il rosmarino tritato finemente e la provola affumicata grattugiata o tagliata a piccoli cubetti. Mescolate bene il tutto, riponete da una parte e riprendete la pasta che oramai avrà riposato e sarà bella rilassata, pronta per essere stesa.
Dividete il panetto di pasta in sei pezzetti di circa 80 grammi l’uno.
Stendete ciascun pezzo in una sfoglia piuttosto sottile cercando di mantenere una forma pressoché rettangolare.
Suddividete il ripieno nelle sei sfoglie e mantenete libero circa un centimetro di bordo su tutti i lati. Arrotolate la pasta su se stessa e sigillate bene, bagnando il bordo se necessario per far aderire meglio i lembi di pasta. Sistemate i sei strudel su una teglia sul cui fondo avrete sistemato un foglio di carta da forno e mettete a cuocere in forno già caldo a 180°C circa per 20 minuti o, comunque fino a quando la pasta assumerà una leggera doratura sia sopra che sotto. Lasciate intiepidire per qualche minuto prima di servire.

Consigli.

  • Provata ad aggiungere nel ripieno anche qualche fettina sottile di funghi champignons ( o meglio ancora di funghi porcini).
  • Potete servire gli strudel con un’insalata preparata con la parte tenera del radicchio, funghi e spicchi di arancia, il tutto condito con un filo di olio sale e pepe.

Note.

(*) Personalmente prediligo la cipolla ben cotta e abitualmente uso poco olio,dunque termino la cottura aggiungendo qualche cucchiaio d’acqua e per rendere il tutto più saporito unisco anche una foglia di alloro spezzata.


About the Author:

Leave A Comment